Don Giò

Ristorante calabrese a gestione familiare.



Quando si parla di cucina calabrese vengono subito in mente alcuni degli ingredienti più tipici della Regione. Le cipolle rosse di Tropea, il peperoncino o la ‘nduja, tutti elementi caratterizzanti della tradizionale culinaria calabra.

Più che nelle altre Regioni, in Calabria le tradizioni religiose influenzano molto anche quelle gastronomiche, con ricette, regole e caratteristiche specifiche.

Ma a Milano dove si potrà degustare tutto questo, senza cadere nelle solite copie viste e riviste di una cucina unica nei sapori quanto nelle tradizioni?

Tra le tante trattorie calabresi che popolano il panorama milanese, ne abbiamo trovata una autentica, genuina nei prezzi quanto in tavola.

Don Giò è un ristorante d’altri tempi, che racchiude nella sua cucina tutta la matrice calabrese.

La linea è tradizionale, l'animo è calabrese, e si manifesta perfettamente, soprattutto con la presenza della piccantissima ‘nduja in numerosi piatti.


Si sa, la calabria è una regione dall'identità forte, che esprime colori e profumi del mare e della terra nella sua tradizione gastronomica, una cucina che deriva dal mondo contadino, ma ricca di sfumature e contrasti, le stesse che abbiamo ritrovato nei piatti di Don Giò.

La loro proposta è un vero delirio di sapore, intensità e colore. La pasta fresca fatta in casa che abbiamo trovato qui ha davvero pochi rivali.

Avevamo già sentito parlare dello spaghettone tamarro, con n’duja, trevisana, pomodoro e crema di ricotta forte, ma non ci aspettavano di essere travolti cosi tanto da pienezza e sapori una volta finito il piatto.

Non da meno, nel sapore e nei colori, l'incredibile parmigiana di melanzane, un’esplosione di gusto per un classico della cosiddetta cucina povera del Sud.

Ma non è finita qui, nel menù proposto, troverete una vasta scelta di dolci tipici della tradizione, noi vi consigliamo la pastiera in chiave calabrese con un piacevole aroma di bergamotto, frutto simbolo della Calabria, che ci ha lasciati completamente immersi tra gli

agrumeti, gli ulivi ed il mare del sud.


Come si può ben capire dal nostro entusiasmo, siamo rimasti piacevolmente colpiti, e non solo dalla la semplicità di tutte le proposte, con sapori decisi e definiti, ma anche dal prezzo,

che non frenerà l’ordinazione della seconda bottiglia di vino, anzi.


Dongiò - Via Bernardino Corio, 3. Milano


MAGAZINE